Plautilla Bricci: storia di un’architettrice

Plautilla Bricci: storia di un’architettrice

13 Agosto 2021 Off Di bellaroma.info

Il nome Plautilla Bricci ai più è del tutto sconosciuto, ma non dovrebbe essere così, considerando che è l’unico nome di architetto donna del  ‘600 giunto fino a noi!

Plautilla nacque il 13 agosto del 1616 a Roma da Giovanni Bricci e Chiara Recupita. L’interesse per l’arte sicuramente lo eredita dal padre pittore, il quale la manda a bottega dal Cavalier d’Arpino e successivamente entra nell’Accademia di San Luca, anche se non si conosce l’anno, luogo che le permise sicuramente di conoscere i più importanti artisti del tempo.

Il suo nome è tornato alla ribalta, dopo secoli, con il restauro della pala d’altare della chiesa di Santa Maria in Montesanto, firmata dall’artista. Più che far scalpore il fatto che una donna l’avesse dipinta, considerando che altre sue colleghe artiste a quei tempi erano degne di nota, attirò l’attenzione lo scoprire attraverso i documenti del tempo, che fosse un architetto! Dove e con chi avvenne la sua formazione, per ora non è stato scoperto, ma lei firmò alcuni progetti molto interessanti: villa Il Vascello, in prossimità di Porta San Pancrazio, anche se attualmente purtroppo non conserva più l’aspetto originario, a causa dei bombardamenti durante la Repubblica Romana. Sempre a lei va ricondotto anche il progetto della cappella di San Luigi IX nella chiesa di San Luigi de’ Francesi, in cui si occupò anche di dipingere la pala d’altare.

Che dire? La prossima volta che andate a visitare questa chiesa fermatevi ad osservare anche questa cappella e non solo i capolavori di Caravaggio.


« | »


Prenota la tua visita guidata della città di Roma con una guida turistica abilitata!